3 film per la quarantena

Forse il Cinema più adatto a tenerci compagnia in questo momento così drammatico e inedito delle nostre vite è il Cinema che mette esplicitamente a tema la vertigine e la melanconica necessità della distanza, riuscendo a farla diventare la forma più estrema e radicale di vicinanza e di intimità.
Auspico che questa quarantena forzata ci porti almeno a riscoprire, in un mondo dove tutto è sempre più istantaneo, interconnesso e immediato, la vertigine (dimenticata) della distanza, della lontananza e dell’attesa.

  • Scrivimi fermo posta (The Shop Around the Corner) è un film del 1940 prodotto e diretto da Ernst Lubitsch, tratto dalla commedia Parfumerie (1937) del commediografo ungherese Miklós László, interpretato da James Stewart e Margaret Sullavan.
  • Lettera da una sconosciuta è un film melò del 1948, diretto da Max Ophüls, tratto dal racconto Lettera di una sconosciuta (Brief einer Unbekannten) di Stefan Zweig.
  • 84 Charing Cross Road è un film del 1987, diretto da David Hugh Jones, tratto dall’omonima raccolta epistolare di Helene Hanff, con protagonisti Anne Bancroft e Anthony Hopkins.